Navigation

Biciclette elettriche, forte crescita anche nel 2019, +20% vendite

Biciclette elettriche: vendite in forte crescita nel 2019 KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 marzo 2020 - 10:57
(Keystone-ATS)

È proseguita anche nel 2019 la forte crescita della vendita di biciclette elettriche in Svizzera: è stata raggiunta quota 133'000, in progressione del 19% rispetto all'anno prima, ha indicato oggi Velosuisse, l'associazione dei fornitori di due ruote.

L'incremento è inferiore a quello del 2018 (+27%, valore record), ma superiore alle vendite totali di biciclette l'anno scorso, salite del 5% a 363'500. Lo smercio di bici a trazione muscolare è diminuito (-1,4%). Ormai oltre un terzo degli articoli venduti (37%) ha una batteria.

"Sempre più persone scoprono l'e-bike come alternativa ai mezzi pubblici per risparmiare tempo, per promuovere la salute e, in tempi di coronavirus, come alternativa igienica al trasporto pubblico", scrive Velosuisse.

Stando a un sondaggio condotto fra i rivenditori le aziende sono ben attrezzate al momento, nonostante la situazione di epidemia. Tuttavia a partire dal mese di maggio potrebbero esserci strozzature nell'offerta sul mercato delle biciclette. È particolarmente probabile che ciò accada se le catene di approvvigionamento provenienti dalla Cina, dal Sud-Est asiatico e, in alcuni casi, dall'Europa non torneranno di nuovo a funzionare. Già ora alcuni pezzi di ricambio sono difficili da ottenere perché le fabbriche sono chiuse o mancano le consegne.

Mentre molte altre industrie sono attualmente costrette a interrompere le vendite, le officine di riparazione delle biciclette sono esentate dall'ordine di chiusura del Consiglio federale. Tuttavia Velosuisse raccomanda ai suoi membri di effettuare le vendite per telefono o online e di mantenere la distanza minima dal cliente durante l'esecuzione di riparazioni. L'associazione invita inoltre gli affiliati a insistere sul pagamento immediato tramite bonifico bancario o carta di credito, affinché il settore non incorra in problemi di liquidità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.