Navigation

Bielorussia: grande marcia a Minsk, spettro intervento di Putin

Secondo un giornalista dell'AFP sono scese per le strade di Minsk circa 100'000 persone. Keystone/AP/DMITRI LOVETSKY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 agosto 2020 - 21:06
(Keystone-ATS)

L'annunciata e attesa "Marcia per la libertà", che i media descrivono come la più grande manifestazione nella storia bielorussa, ha invaso pacificamente le strade di Minsk con decine di migliaia di persone - 100'000 secondo l'Afp.

La grande marcia, preceduta ieri dal mesto funerale del manifestante ucciso lunedì scorso negli scontri con la polizia, arriva simbolicamente a una settimana esatta dalle contestatissime elezioni presidenziali, che hanno consegnato, con un "bulgaro" 80% di suffragi, il sesto mandato consecutivo a Lukashenko, ormai al potere da 26 anni.

La folla lungo il grande Viale dell'Indipendenza, sotto un cielo azzurro, ha srotolato un lungo nastro coi vecchi colori nazionali - bianco, rosso e l'emblema di San Giorgio -, ha innalzato migliaia di bandiere, palloncini, striscioni, ha cantato e scandito il mantra "Vattene!".

La Marcia per la libertà è il punto culminante di una settimana di proteste, scontri e tensioni iniziata con la violenta repressione - almeno due manifestanti morti, oltre 6'700 arresti, feriti e notizie di pestaggi e torture da parte delle forze di sicurezza e l'autoesilio nella vicina Lituania della candidata anti-Lukashenko Svetlana Tikhanovskaya.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.