Navigation

Big Tech oltre le attese, Covid non ferma corsa

I CEO delle quattro big: Jeff Bezos (Amazon), Tim Cook (Apple), Sundar Pichai (Google) e Mark Zuckerberg (Facebook). KEYSTONE/AP/Pablo Martinez Monsivais Evan Vucci Jeff Chiu Jens Meye sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2020 - 07:21
(Keystone-ATS)

La pandemia ferma l'economia mondiale, ma non può nulla contro Big Tech. A poche ore dalla storica audizione in Congresso Apple, Amazon, Google e Facebook mostrano i muscoli, presentano risultati oltre le attese e volano a Wall Street.

Cupertino sale fino al 5,3% e supera i 400 dollari per azione per la prima volta. Il colosso di Jeff Bezos avanza del 5,06%, Google dello 0,37% e Facebook del 6,64%.

Apple archivia il trimestre con un utile netto in aumento a 11,25 miliardi di dollari, su ricavi in crescita dell'11% a 59,69 miliardi di dollari, sopra i 52,30 miliardi attesi dagli analisti. I ricavi da iPhone sono aumentati dell'1,7% a 26,42 miliardi, mentre quelli della voce 'servizi' hanno guadagnato il 15% a 13,16 miliardi.

Con i risultati trimestrali Cupertino annuncia un frazionamento azionario (stock split) di 4 a 1 per "rendere i titoli più accessibili a una più ampia base di investitori". In questi "tempi incerti la performance è un testamento all'importante ruolo che i nostri prodotti giocano per i clienti", afferma il CEO Tim Cook, dicendosi "profondamente ottimista sul futuro di Apple".

Amazon chiude il secondo trimestre con 88,9 miliardi di dollari di ricavi e un utile raddoppiato a 5,2 miliardi nonostante i 4 miliardi di costi sopportati per far fronte all'emergenza. Costi che saliranno ancora: il colosso di Jeff Bezos prevede di spendere ulteriori 2 miliardi nel trimestre in corso, che dovrebbe registrare ricavi per 87-93 miliardi.

Google supera le attese nonostante il primo calo dei ricavi da quando è quotata in borsa. Sono scesi del 2% a 38,3 miliardi. In calo anche l'utile netto, sceso del 30% a 6,96 miliardi. Flessioni che però non hanno fermato Google, risultata facilmente in grado di superare le previsioni del mercato.

Utile quasi raddoppiato per Facebook: è salito del 98% a 5,1 miliardi su ricavi in aumento dell'11% a 18,7 miliardi. Gli utenti attivi mensili sono saliti del 12% a 2,70 miliardi, sopra i 2,63 attesi al mercato. Oltre le previsioni anche gli utenti giornalieri: sono stati 1,79 miliardi contro gli 1,74 previsti.

Nonostante i risultati stellari Facebook mette in guardia sui possibili effetti della pandemia e sul boicottaggio pubblicitario nei suoi confronti, risultato evidente in luglio. "La nostra attività ha risentito della pandemia del Covid-19 e, come tutte le altre aziende, stiamo affrontando un periodo di incertezza senza precedenti sulle prospettive delle nostre attività".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.