Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La bilancia delle partite correnti della Svizzera ha evidenziato nel secondo trimestre un'eccedenza di 18 miliardi di franchi, 6 miliardi in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La progressione si deve al calo dell'eccedenza di spesa relativa ai redditi secondari, ossia i trasferimenti correnti, scesi nel giro di dodici mesi da 7 a 3 miliardi di franchi, secondo quanto comunica oggi la Banca nazionale svizzera (BNS).

Per quanto riguarda i ricavi da redditi primari, riconducibili ai flussi di redditi dei fattori lavoro e capitale, l'eccedenza è aumentata di due miliardi a complessivi 3 miliardi di franchi. Il saldo degli scambi di merci e servizi è rimasto stabile a 18 miliardi.

Gli attivi svizzeri all'estero sono diminuiti di 95 miliardi a 4087 miliardi di franchi, malgrado il conto finanziario presenti un'acquisizione netta di attivi finanziari per 46 miliardi. Il calo è dovuto a svalutazioni borsistiche e a variazioni di cambio. I passivi nei confronti dell'estero si sono attestati a 3414 miliardi, in flessione di 93 miliardi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS