Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli accordi bilaterali con l'UE sono importanti, più di un'applicazione rigorosa dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa. Un nuovo sondaggio pubblicato dalla "NZZ am Sonntag" conferma quanto già emerso in passato.

Stando all'inchiesta, svolta dall'istituto gfs.bern su incarico di Interpharma, il 61% degli interrogati giudicano prioritaria la salvaguardia dei bilaterali rispetto all'iniziativa anti-stranieri, mentre il 28% sostiene il contrario e l'11% non risponde.

Il 43% ritiene che i bilaterali offrano "solo" o "piuttosto", vantaggi, il 24% invece che procurino svantaggi e il 25% che gli aspetti positivi e negativi si equivalgano. Nel precedente sondaggio di febbraio le percentuali si attestavano rispettivamente al 55%, al 23% e al 16%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS