Navigation

Bimba down arrestata, altri 14 giorni carcere

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2012 - 09:49
(Keystone-ATS)

Un giudice pachistano ha disposto altri 14 giorni di carcere per Rimsha Masih, la bimba di 11 anni affetta da sindrome di Down arrestata in Pakistan con l'accusa di blasfemia lo scorso 19 agosto.

Lo ha riferito il sito web dell'emittente 'Dawn', secondo cui le autorità non hanno concluso le indagini e necessitano di altro tempo per fare piena luce sull'episodio che vede coinvolta la bimba cristiana, accusata di aver bruciato delle pagine del Corano.

L'avvocato di Rimsha ha affermato che spera che la bimba sia libera su cauzione sabato. È in carcere dopo aver rischiato di essere bruciata viva da una folla nel villaggio di Meharabadi, nei pressi della capitale Islamabad, dove abita. Nell'ambito della vicenda sono stati denunciati l'imam della moschea della zona e 175 persone che avrebbero chiesto alla polizia la consegna della piccola Rimsha per bruciarla viva in piazza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?