Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una bambina di 9 anni imbottita di esplosivo si è fatta saltare in aria in un affollato locale notturno a Maroua in Camerun, una ragazzina kamikaze si è immolata in un mercato a Damaturo in Nigeria. Decine di morti e feriti. Uomini, donne e bambini mutilati.

La sanguinaria offensiva jihadista dei Boko Haram, che sempre più spesso usano per le loro azioni terroristiche giovanissime inconsapevoli di quanto stanno facendo, in meno di 24 ore ha colpito per ben due volte il nord-est della Nigeria ed è arrivata nuovamente in Camerun.

Qui solo tre giorni fa due kamikaze avevano provocato 22 morti e una cinquantina di feriti nel mercato di una cittadina non lontana dal confine nigeriano. E ora il Camerun si sente in guerra, una guerra che però non può essere combattuta solo con le armi. Stasera le autorità del nord del Paese hanno ordinato la chiusura di moschee e scuole islamiche per impedire che diventino obiettivi o centri di reclutamento dei terroristi. I bambini non potranno più entrare nei luoghi pubblici e i piccoli mendicanti non potranno più stare nelle strade a chiedere l'elemosina dato che, ha sottolineato il governatore Midjiyawa Bakari, tutti i kamikaze degli ultimi attentati avevano meno di 18 anni. In particolare, proprio la bimba di 9 anni era stata vestita da mendicante.

Il governatore dell'area di Maroua ha anche imposto il coprifuoco dalle 20 alle 6 del mattino. Misure di sicurezza sempre più strette, compreso il controllo "di tutti i non residenti in tutti i quartieri". Dal canto suo il ministro della Difesa Edgar Alain Mebe Ngòo ha chiesto ai cittadini di aiutare i soldati segnalando qualunque attività o persona sospetta. "La gente deve sviluppare una cultura di vigilanza perché i Boko Haram hanno cambiato strategia", ha affermato.

Gli estremisti islamici nigeriani, dichiaratamente alleati dei terroristi dell'Isis (Stato islamico), finora non hanno rivendicato nessuno degli ultimi attentati ma le autorità non hanno dubbi. Sono loro gli assassini che arrivano a bordo di motociclette sparando ai civili inermi, bruciando le loro case e i negozi. Sono loro che armano ragazze e bambine con cinture o giubbotti esplosivi e poi le fanno saltare in aria.

D'altra parte proprio un leader dei Boko Haram aveva preannunciato gli attentati in Camerun come ritorsione al sostegno fornito dalle autorità di Yaoundè alla confinante Nigeria nella lotta al gruppo estremista.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS