Navigation

Birmania: annunciata liberazione migliaia di prigionieri

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2011 - 09:07
(Keystone-ATS)

La Birmania ha annunciato la liberazione di oltre 6.300 "prigionieri" senza però precisare se fra questi sono inclusi anche i detenuti politici. Lo ha riferito oggi la tivù di Stato.

In precedenza, in una lettera aperta pubblicata sui media di Stato, il nuovo organo governativo birmano per i diritti umani aveva sollecitato il presidente a rilasciare i "prigionieri di coscienza".

I prigionieri che non rappresentano "una minaccia alla stabilità dello Stato e della pubblica tranquillità" dovrebbero essere rilasciati, ha scritto il presidente della commissione nazionale del Myanmar per i diritti umani, Win Mra, nella lettera aperta.

Gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno posto il rilascio dei circa 2.100 prigionieri politici quale condizione per togliere le sanzioni imposte a Myanmar per i suoi abusi nel campo dei diritti umani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?