Navigation

Birmania: Corte Onu ordina misure urgenti a difesa Rohingya

Bimba Rohingya in un campo profughi in Myanmar. KEYSTONE/EPA/NW SH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2020 - 16:55
(Keystone-ATS)

La Corte internazionale di giustizia dell'Onu ha ordinato alla Birmania di adottare "misure urgenti", ai sensi della Convenzione sul genocidio, per impedire violazioni nei confronti della minoranza musulmana dei Rohingya.

La decisione è stata presa all'unanimità, nell'ambito della causa avviata dal Gambia contro la Birmania, nel novembre scorso, a nome dell'Organizzazione degli Stati islamici (Oic). Si legge sul sito della Corte.

La Birmania, "conformemente ai suoi obblighi derivanti dalla Convenzione per evitare e reprimere il genocidio, deve adottare tutte le misure in suo potere per evitare che si commettano reati contro il gruppo dei Rohingya che si trovano sul suo territorio", si legge nella decisione.

In particolare, "l'omicidio di membri del gruppo; gravi attacchi all'integrità fisica o mentale di membri del gruppo; sottomissione intenzionale del gruppo a condizioni di vita che dovrebbero portare alla sua distruzione fisica totale o parziale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.