Navigation

Birmania: dimostranti di nuovo in strada

Dimostranti anti golpe protestano a Yangon, in Birmania. KEYSTONE/EPA/LYNN BO BO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2021 - 10:08
(Keystone-ATS)

I manifestanti anti golpe sono tornati oggi nelle strade di diverse città della Birmania dopo le proteste di ieri costate la vita ad almeno 38 persone, il bilancio più pesante dal colpo di Stato dell'1 febbraio scorso.

Un commerciante a Yangon ha riferito di avere sentito anche questa mattina colpi di arma da fuoco, ma per il momento non si hanno notizie di ulteriori vittime. Le proteste, comunque, continuano sia a Yangon e Mandalay, sia in altre città del Paese.

Oggi si è tenuto il funerale di Kyal Sin, una ragazza 19enne uccisa a Mandalay dalle forze di sicurezza e la cerimonia è stata trasmessa in diretta su Facebook nonostante la giunta militare abbia vietato il social network nel Paese.

Finora, secondo l'Associazione per l'assistenza ai prigionieri politici (AAPP), le autorità hanno arrestato quasi 1.500 persone, di cui 1.200 sono tutt'ora in carcere.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.