Navigation

Birmania: proseguono le proteste per ripristino democrazia

Continuano le proteste in Birmania KEYSTONE/EPA/LYNN BO BO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2021 - 09:13
(Keystone-ATS)

Proseguono per il settimo giorno consecutivo le proteste in Birmania contro il colpo di Stato militare e l'arresto della leader Aung San Suu Kyi: centinaia di migliaia di persone si sono riversate oggi in strada in numerose città del Paese .

Le nuove proteste seguono l'imposizione di sanzioni da parte dell'amministrazione Biden. In particolare, la Casa Bianca ha annunciato ieri che 42,4 miliardi di dollari di aiuti alla Birmania saranno negati al regime militare insediatosi col golpe dello scorso primo febbraio.

Da allora sono state arrestate oltre 260 persone e solo una ventina sono state rilasciate.

Ieri i media statali hanno annunciato il rilascio di oltre 23mila detenuti nell'ambito di un'amnistia, ma il gruppo 'Assistance Association for Political Prisoners' (Aapp) teme che questa improvvisa decisione serva a fare spazio nei penitenziari per i prigionieri politici.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.