Navigation

Birmania: sospesa maggior parte sanzioni Ue,

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2012 - 11:12
(Keystone-ATS)

I ministri degli Esteri dei Ventisette hanno concordato la sospensione per almeno un anno della maggior parte delle sanzioni adottate a suo tempo dall'Ue contro il regime militare di Birmania.

Lo hanno riferito in via riservata fonti diplomatiche comunitarie, secondo cui tra i provvedimenti che resteranno invece in vigore a tutti gli effetti è compreso in particolare l'embargo sulle forniture di armi. La decisione Ue costituisce un riconoscimento nei confronti del nuovo corso riformistico varato dal governo birmano in carica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?