Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo il marito finisce in manetta anche la moglie: il Dipartimento di giustizia di Basilea Città ha confermato oggi la notizia dell'arresto di una sua poliziotta, moglie di un agente di polizia di Basilea Campagna che era stato incarcerato dopo che a casa sua era stata ritrovata una coltivazione indoor di cannabis.

Una donna, membro della polizia cantonale di Basilea Città, è effettivamente stata posta in detenzione preventiva a Basilea Campagna, ha indicato oggi un portavoce del dipartimento commentando rivelazioni del quotidiano "Basler Zeitung".

Il portavoce non ha voluto fornire precisazioni, invocando il principio della protezione della sfera privata e il segreto istruttorio.

Il marito era stato arrestato venerdì scorso dopo il ritrovamento a casa sua di una novantina di piantine di canapa coltivate secondo metodi professionali. Nei suoi confronti è stato avviata un'inchiesta per violazione della legge federale sugli stupefacenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS