Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ANKARA - Sette delle nove vittime turche dell'assalto della marina israeliana contro il convoglio navale umanitario del 31 maggio diretto a Gaza sono state "crivellate di proiettili" e cinque di loro sono state colpite alla testa.
È quanto emerge, come riferiscono siti d'informazione turchi, dalle autopsie delle vittime diffusi in giornata alla stampa dai legali delle loro famiglie che hanno sporto denuncia alla magistratura turca.
Dai documenti risulta che in tutto le nove vittime sono state raggiunte da 31 proiettili. In particolare, il più giovane dei morti, un ragazzo di 19 anni che aveva anche la cittadinanza statunitense, è stato raggiunto da cinque proiettili dei quali uno alla testa.

SDA-ATS