Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È rallentata la crescita degli averi detenuti in conti giro dalle banche svizzere presso la Banca nazionale: nella settimana terminata il 7 settembre essi sono saliti di 2,15 miliardi a 291,11 miliardi, secondo quanto ha reso noto oggi l'istituto di emissione.

Nella settimana precedente l'incremento si era attestato a quasi 2,6 miliardi. Secondo gli osservatori, il volume degli averi fornisce indicazioni sull'entità degli interventi della BNS per salvaguardare la soglia minima di cambio di 1,20 franchi per un euro.

La pressione al rialzo sul franco si un po' allentata la settimana scorsa, dopo l'annuncio da parte della Banca centrale europea sulla sua disponibilità ad acquistare illimitatamente titoli di Stato dei paesi di Eurolandia, a determinate condizioni. L'euro era arrivato nella giornata di venerdì a quota 1,2156 franchi, un livello non più toccato da gennaio.

A fine agosto le riserve di divise della BNS sono passate a 418,4 miliardi di franchi, 9,8 miliardi in più di luglio. L'aumento del mese scorso è nettamente più basso di quello rilevato nei due mesi precedenti. Oggi alle 14.30 la moneta unica è negoziata a 1,2096 franchi, secondo la piattaforma online Swissquote.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS