Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha registrato un utile di 16,1 miliardi di franchi nel primo semestre 2014, a fronte della perdita di 7,6 miliardi subita nella prima metà del 2013. Il risultato è da ricondurre a guadagni di 12,6 miliardi sulle posizioni in valute estere e a un apprezzamento del valore delle riserve d'oro, pari a 3,5 miliardi, ha indicato oggi l'istituto di emissione.

A fine giugno, un chilogrammo di oro valeva infatti 37'604 franchi, contro i 34'194 franchi della fine dello scorso anno. In volume la quantità di metallo giallo è rimasta invariata.

Fra gennaio e giugno la BNS ha incassato 3,7 miliardi di franchi in interessi e 1,1 miliardi in dividendi. Cinque miliardi sono stati generati su titoli e strumenti finanziari fruttiferi e 2,5 miliardi sulle partecipazioni grazie al favorevole contesto borsistico. Le oscillazioni dei cambi si sono invece rivelate modeste, generando utili per 0,3 miliardi di franchi.

La composizione dell'attivo in valuta estera è rimasta pressoché invariata nel secondo trimestre: la maggior parte (46%, contro il 47% del trimestre precedente) era costituita da euro, davanti a dollaro americano (27%), yen giapponese (9%), sterlina britannica (7%) e dollaro canadese (4%): le altre valute sono rimaste stabili al 7%.

L'attivo in divise si è attestato a fine giugno a oltre 457 miliardi di franchi, 14 miliardi in più rispetto a fine dicembre 2013. Il notevole importo riflette in particolare la strategia di difesa del corso del franco rispetto alla moneta unica, fissato a 1,20 franchi per un euro.

La posizione è aumentata fortemente tra settembre 2011, al momento dell'introduzione di questa soglia, e settembre 2012: da allora la banca centrale non è più intervenuta sulla relazione franco-euro, a riprova che la sua politica è stata giudicata credibile dai mercati. Per quanto riguarda l'oro a bilancio figura un attivo di 39,1 miliardi di franchi.

L'istituto d'emissione ricorda che non bisogna trarre conclusioni affrettate: "forti fluttuazioni sono infatti la regola ed è difficile formulare previsioni per l'insieme dell'esercizio". L'evoluzione varia in funzione del mercato dell'oro, dei cambi e dei capitali, sui quali pesano anche fattori geopolitici come le incertezze legate alla crisi ucraina.

Alla fine del primo trimestre la BNS aveva registrato utili per 4,4 miliardi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS