Navigation

BNS non cede su franco a 1,20 euro, Jordan

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2012 - 13:24
(Keystone-ATS)

La Banca nazionale svizzera è più che mai determinata a difendere il corso minimo di 1,20 franchi per un euro che ha fissato lo scorso 6 settembre. Lo ha ribadito oggi a Zurigo il presidente ad interim della direzione della BNS Thomas Jordan. Egli ha definito il breve sfondamento di questo limite avvenuto giovedì scorso "una anomalia in un mercato limitato".

Le transazioni avvenute sotto il corso di 1,20 hanno potuto insinuare qualche dubbio sulla determinazione della BNS nel difendere il suo valore limite, ma i timori sono ingiustificati, ha dichiarato Jordan in un incontro con le agenzie di stampa. "Siamo pronti ad acquistare divise in quantità illimitate. La nostra politica al riguardo rimane immutata", ha assicurato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?