Navigation

BNS rafforza controlli e regole per dipendenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 aprile 2012 - 10:15
(Keystone-ATS)

La Banca nazionale svizzera (BNS) rafforza i controlli interni, in particolare inasprendo le regole sulle transazioni finanziarie dei dipendenti e rivedendo il codice di comportamento.

A questo scopo verrà creato un organo interno indipendente, direttamente sottoposto al presidente della direzione, e vedrà la luce anche un'apposita entità cui il personale potrà rivolgersi per segnalare disservizi e violazioni delle norme.

Finora il settore "compliance" (quello dei controlli, appunto) era organizzato in modo decentralizzato. La decisione di riunire i vari ambiti è stata presa già nell'autunno 2011, sottolinea l'istituto in un comunicato odierno. Prima quindi che scoppiasse la bufera sulla banca e sulle discusse transazioni private dei vertici, che avevano portato alle dimissioni del numero uno Philipp Hildebrand.

A questo proposito la BNS ha operato un giro di vite: negoziazioni con valuta estera superiori ai 20'000 franchi effettuate dal personale dovranno essere approvate dalla banca. Questo provvedimento, introdotto quale misura immediata a inizio anno sull'onda delle polemiche, diventa ora definitivo. Sono stati anche allungati i tempi nei quali devono essere mantenuti gli investimenti.

Del tutto proibite vengono ora le transazioni con derivati o prodotti strutturati il cui valore dipende in modo importante dal corso dei cambi o dalla situazione dei tassi di interesse. Per alcuni gruppi di collaboratori che hanno accesso a informazioni privilegiate valgono inoltre restrizioni ancora più severe.

Quale consulente è stato ingaggiato il noto giurista zurighese Peter Forstmoser, che in passato è stato anche presidente del consiglio di amministrazione di Swiss Re.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?