Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW DELHI - Le critiche di membri della comunità ebraica indiana e di molti dei suoi stessi fan hanno spinto l'attore Anupam Kher a rinunciare ad interpretare il personaggio di Hitler nel primo film che il cinema di Bollywood intende dedicare al defunto dittatore tedesco.
Il film, dal curioso titolo 'Caro amico Hitler' (Dear Friend Hitler) è diretto dal regista debuttante Rakesh Ranjan Kumar con l'intenzione di "catturare la personalità di Adolf Hitler e le sue insicurezze, il suo carisma e le sue paranoie durante gli ultimi giorni della sua vita".
Giustificando la sua decisione di abbandonare il progetto Kher, che ha una qualche rassomiglianza con Hitler, ha spiegato che molti amici gli anno rimproverato di aver accettato di interpretare un personaggio che "é stato responsabile del massacro di milioni di persone".
"Quando ho detto sì - ha spiegato - mi sono mosso con la considerazione che un attore deve lavorare in qualsiasi ruolo. Ma dopo aver constatato quanti hanno reagito negativamente alla mia scelta ho pensato che non potevo ferire così tanta gente". "Le emozioni umane - ha sottolineato - possono più del cinema".
L'attore ha aggiunto che un altro elemento che lo ha spinto a dire non è stata una dichiarazione del regista Kumar secondo cui Hitler aveva permesso l'indipendenza dell'India. "Non condivido questo - ha concluso - e siccome sono uno dei migliori attori del cinema indiano, posso permettermi di andare avanti senza aver lavorato in questo film".
In generale le vicende legate al dittatore nazista e le ideologie ariane sono soggetti noti al pubblico indiano. In particolare Kumar si propone anche di mostrare "l'amore" di Hitler per l'India e il suo "contributo indiretto" all'indipendenza dai colonialisti britannici.
Il regista ha anche trattato l'oscuro tema delle brigate indiane guidate da Subhas Chandra Bose, controverso leader indipendentista rivale del Mahatma, mandate a combattere in Germania a fianco dei nazisti.
Oltre a Kher, per cui ora si dovrà cercare un sostituto, del cast fa parte anche Neha Dhupia, ex miss India, che ha il ruolo di Eva Braun.
Il tema della caduta di Hitler ha ispirato innumerevoli film negli ultimi decenni a partire dagli 'Ultimi dieci giorni di Hitler' (1973) di Ennio De Concini fino a 'La Caduta' (2004), dove ad interpretate Hitler fu l'attore svizzero Bruno Ganz.

SDA-ATS