Navigation

Bolsonaro formalizza addio a Partito social-liberale

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro. KEYSTONE/AP/ERALDO PERES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2019 - 16:46
(Keystone-ATS)

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha formalizzato il ritiro della sua iscrizione dal Partito social-liberale (Psl, di estrema destra), abbandonato dopo una serie di divergenze interne e con il quale aveva vinto le elezioni di ottobre 2018.

L'informazione è stata confermata da uno dei suoi legali, l'avvocato Karina Kuffa.

Il documento sarà consegnato alla direzione nazionale del Psl e registrato presso il Tribunale regionale elettorale di Rio de Janeiro, lo Stato in cui Bolsonaro ha il suo domicilio elettorale.

Il presidente della Repubblica nei giorni scorsi ha annunciato la creazione di un suo gruppo politico, chiamato Alleanza per il Brasile, la cui istituzione sarà celebrata domani con un evento a Brasilia, dove ne verrà presentato lo statuto, il programma e i membri fondatori.

Per essere registrata ufficialmente, la nuova sigla dovrà raccogliere 500 mila firme in almeno nove Stati, per poi essere convalidata dal Tribunale superiore elettorale (Tse).

Per competere alle elezioni municipali del 2020, Alleanza per il Brasile deve ottenere la sua registrazione approvata dal Tse entro marzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.