Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Grande spiegamento di forze a Manhattan

KEYSTONE/EPA/JASON SZENES

(sda-ats)

E' ancora mistero sulla bomba esplosa stanotte a Chelsea, nel cuore di Manhattan, che ha provocato 29 feriti, tutti peraltro già dimessi dall'ospedale.

"Una bomba che esplode a New York è chiaramente un atto di terrorismo, ma al momento non esiste prova di una connessione al terrorismo internazionale e non c'è stata alcuna rivendicazione", ha affermato il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo.

Cuomo ha tuonato contro i responsabili affermando che "saranno scovati e puniti" e "non ci faremo spaventare" mentre allo stesso tempo ha annunciato lo schieramento di mille unità di polizia dello Stato di New York e della guardia nazionale per la messa in sicurezza degli obiettivi sensibili come le stazioni.

Il governatore ha poi precisato che l'ordigno esploso a Chelsea e quello trovato inesploso sulla 23ma strada (realizzato artigianalmente con una pentola a pressione da cui uscivano dei fili collegati a un telefono cellulare) sarebbero diversi da quello esploso ieri in mattinata in New Jersey.

L'esplosione a Chelsea è avvenuta intorno alle 20.30 di ieri ora locale (le 2.30 in Svizzera) e ha provocato il caos.

E mentre l'Fbi continua a raccogliere indizi in zona, l'Isis ha rivendicato via Amaq l'attacco in Minnesota, dove un uomo ha ferito otto persone con un coltello prima di essere ucciso. "Era un soldato dello Stato islamico, ha compiuto l'operazione per colpire i cittadini dei Paesi della Coalizione crociata", si legge sul network dell'Isis.

Dopo l'esplosione di Chelsea, Donald Trump ha preso la palla al balzo: il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha 'scavalcato' le autorità e - prima che fossero resi noti i dettagli dell'attentato - ha annunciato ai suoi sostenitori durante un comizio che una "bomba é esplosa" a New York. Trump ha approfittato subito dell'attacco per rinforzare la sua campagna elettorale, affermando che ora "dobbiamo usare le maniere forti".

Prudente invece la reazione della candidata democratica Hillary Clinton, che ha detto di voler attendere informazioni più precise sull'accaduto.

Oggi nella Grande Mela è atteso anche il presidente Barack Obama, che al momento dell'esplosione era a Washington ad una cena di gala del Congressional Black Caucus Foundation per onorare Hillary Clinton come prima donna ad ottenere la nomination di un grande partito alla Casa Bianca.

Ma sbarcano anche decine di capi di Stato e di governo, che da domani parteciperanno ai lavori dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS