Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le borse cinesi crollano, incassando in un colpo solo tutte le perdite che hanno bersagliato i listini asiatici la scorsa settimana (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/ANDY WONG

(sda-ats)

Chiuse per una settimana a causa delle festività della "Golden Week", le borse cinesi crollano, incassando in un colpo solo tutte le perdite che hanno bersagliato i listini asiatici.

I mercati dell'Asia la scorsa settimana era infatti stati stretti tra le vendite sui titoli tecnologici, le tensioni tra Cina e Usa e i timori di nuovi rialzi dei tassi da parte della banca centrale statunitense Fed, alla luce del buon andamento dell'economia americana.

Shanghai e Shenzhen cedono il 3,3% mentre l'indice Csi 300 affonda del 3,9%. Male anche Sydney (-1,4%) e Seul (-0,5%) mentre Tokyo è chiusa per festività.

Si tratta del sesto calo consecutivo in Asia mentre i timori di una stretta della Fed hanno fatto schizzare i rendimenti dei Treasury. Non ha impedito la caduta dei listini cinesi la decisione della Pboc, la banca centrale, di ridurre i requisiti di riserva obbligatoria per le banche, che potranno stimolare l'economia con ulteriori 1,2 trilioni di yuan (174 miliardi di franchi). La mossa ha indebolito lo yuan che tratta a 6,9 sul dollaro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS