Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'avvio incerto di Wall street non ha mosso le Borse europee, che rimangono generalmente deboli dopo il forte terremoto in Giappone.

L'indice Stxe 600, che registra l'andamento dei principali titoli quotati sui listini del Vecchio continente, cede circa un punto percentuale, con la sola Atene in forte recupero (+2,33%) dopo il brusco calo dei primi giorni della settimana.

I mercati azionari europei sono appesantiti dai titoli assicurativi che guardano ai possibili risarcimenti per la catastrofe nipponica e, in particolare, da quelli dei gruppi riassicurativi, i più penalizzati in questi casi.

Tra le società specializzate nella riduzione dei rischi 'acquistati' dalle compagnie di assicurazione spicca il calo del 7,86% della francese Scor. Male nel settore anche Amlin (-5,25%) e Swiss RE (-5,50%). Nessun contraccolpo particolare sui colossi del comparto assicurativo, con Generali in Piazza Affari che scende dell'1,64%.

Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali Borse europee:

- Londra -0,21%

- Parigi -0,64%

- Francoforte -1,13%

- Madrid -0,12%

- Milano -0,83%

- Amsterdam -0,84%

- Stoccolma -1,27%

- Zurigo -0,77%

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS