Navigation

Borsa: Europa positiva; guarda a Usa, male Milano e Madrid

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2010 - 19:42
(Keystone-ATS)

MILANO - Avvio di settimana positivo per le Borse europee. I listini hanno chiuso in rialzo con le sole eccezione di Milano e Madrid, grazie alla corsa dei titoli delle materie prime (+2,14% l'indice Dj Stoxx settoriale) e agli acquisti speculativi degli investitori che, anche a New York, visto l'esito del G20 in Corea del Sud, hanno puntato su un annuncio di nuove misure di stimolo dell'economia, la prossima settimana, da parte della Fed.
Forti in particolare Rio Tinto (+2,5%) e Xstrata (+2,7%) aiutate dalle quotazioni record raggiunte dai metalli preziosi alla luce dell'indebolimento del dollaro, sulla scommessa di un acquisto di titoli di stato da parte della Federal Reserve, che potrebbe fare un annuncio in questo senso - è l'idea dei mercati - nel suo meeting di novembre.
Bene poi il settore del lusso col balzo di Hermes (+15%) spinto dall'acquisto di una quota da 1,45 miliardi di euro da parte di Lvmh (+2,4%), che comunque non intende prendere il controllo della società, né chiedere rappresentanti in Cda. Male le banche (-0,7%) zavorrate dalla decisione del Banco Popolare (-5,6%) di ricapitalizzarsi per 2 miliardi di euro e dal taglio del giudizio degli analisti di Credit Suisse sul Lloyds (-5,4%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?