Navigation

Borsa: Europa positiva guardano ad aiuti banche

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2011 - 20:47
(Keystone-ATS)

Mercati in festa, soprattutto in Europa, dopo lo scudo sulle banche e sui titoli di stato deciso dalla Bce. Nella sua ultima conferenza stampa il presidente Jean-Claude Trichet ha annunciato infatti prestiti illimitati ad almeno 12 mesi ed il ritorno degli acquisti di covered-bond, le obbligazioni garantite emesse dagli stati. Un vero e proprio toccasana per i listini continentali, positivi fin dalla mattinata ma incerti all'apertura di Wall Street.

Gli investitori si aspettavano misure a sostegno delle banche a livello europeo e sono stati soddisfatti dal presidente della Commissione Europea Josè Barroso, che ha anticipato la messa a punto di una "azione comune e coordinata per ricapitalizzare le banche". La Commissione, a suo dire, ha 'idee sulla ricapitalizzazione" ed è pronta a "presentarle presto".

In questo quadro il Fondo Monetario Internazionale non ha escluso una "ulteriore riduzione dei tassi di interesse da parte della Bce", che oggi li ha lasciati invariati, mentre Trichet ha chiesto ai governi di adottare "misure aggiuntive" se necessario. L'orizzonte si è ulteriormente schiarito con la decisione della Banca d'Inghilterra di intensificare il proprio programma di acquisto di titoli di stato, portandolo da 200 a 275 miliardi di sterline, mentre, riferendosi all'Italia, il direttore generale del Fmi Christine Lagarde ha parlato di "risorse disponibili" per un eventuale sostegno dell'economia.

Un contesto favorevole per i titoli bancari, ad eccezione di Dexia (-17,24%), sospesa anche al ribasso in attesa di chiarimenti sull'intervento delle Poste e della Cassa Depositi francesi. A Parigi Natixis ha guadagnato il 9% e Bnp l'8,6% , mentre nella City hanno corso Lloyds (+8,68%), Barclays (+7,98%) ed Rbs (+7,79%). Deluse le aspettative di chi pensava ad uno scivolone degli istituti italiani dopo il taglio di Moody's. Intesa Sanpaolo ha guadagnato infatti il 5,73%, Unicredit il 3,84% ed Mps il 4,17%. In luce anche i titoli delle partecipate dal Tesoro, da Eni (+2,55%) ad Enel (+2,50%) a Finmeccanica (+5,6%) ed Ansaldo Sts (+4,86%). A fine seduta Milano (+3,55%) e Parigi (+3,41%) hanno prevalso davanti a Francoforte (+3,15%) e Madrid (+2,68%) con Stoccolma (+2,3%) fanalino di coda. Cauta Atene (+0,73%), mentre in Asia ha fatto il botto Hong Kong (+5,67%). Più tiepida Wall Street (+0,7% il Dow Jones e +1,16% il Nasdaq), che ha scontato dati macroeconomici Usa al di sotto delle attese degli analisti

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?