Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo i primi scambi al di sopra della parità la Borsa svizzera ha virato in negativo. Verso le ore 9:30 l'indice dei valori guida SMI segnava una perdita dello 0,03% a 6379,71 punti. L'indice allargato SPI scendeva dello 0,10% a quota 5617,85.
Apertura in positivo sulle principali piazze del Vecchio continente: a Francoforte il Dax cresce dello 0,44% a 6231,52, a Londra il FTSE 100 aumenta dello 0,49% a 5203,76 e a Parigi il Cac 40 progredisce dello 0,52% a 3660,77. A Milano il Ftse Mib segna un rialzo dello 0,53% a 20.462 punti e il Ftse All Share dello 0,50% a 21.008 punti.
Chiusura debole ieri per Wall Street. Il Dow Jones è avanzato dello 0,06% a 10.299,87 punti, il Nasdaq ha perso lo 0,33% a 2.254,23 punti mentre lo S&P 500 è arretrato dello 0,29% a 1.092,11 punti.
La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi poco mossa a +0,05%, recuperando le perdite iniziali legate al rafforzamento dello yen, alla prudenza per i deboli dati del mercato immobiliare Usa e alla cautela della Federal Reserve. L'indice Nikkei, sulla scia dei rialzi delle Borse asiatiche (e di Shanghai, in particolare), si è portato a 9.928,34 punti, 4,64 in piu' della chiusura di ieri, limando tuttavia i guadagni nel finale di seduta.
Ieri la FED ha ribadito l'impegno a mantenere ai minimi storici i tassi di interesse notando pero' condizioni finanziarie "meno favorevoli alla crescita".

SDA-ATS