Apertura in rialzo oggi per la Borsa svizzera: poco dopo le 9.00 l'indice dei titoli guida SMI segnava una progressione dello 0,27% a 10'125,36 punti, mentre il listino allargato SPI saliva dello 0,21% a quota 12'274,47.

Ieri la Banca centrale europea ha annunciato il taglio dei tassi sui depositi e un nuovo programma di quantitative easing (Qe) che prevede l'acquisto di bond per 20 miliardi di euro al mese. Il presidente americano Donald Trump ha da parte sua affermato di non escludere la firma di un accordo commerciale provvisorio con la Cina.

Inizio di seduta contrastato per i principali mercati europei: Londra (-0,10%), Francoforte (+0,03%), Parigi (+0,11%), Milano (+0,2%).

La Borsa di Tokyo ha concluso l'ultima seduta della settimana col segno più, sostenuta dalla progressiva svalutazione dello yen. L'indice Nikkei segna una variazione positiva dell'1,05% a quota 21'988,29, aggiungendo 228 punti.

Chiusura in rialzo ieri sera per Wall Street con il Dow Jones che ha guadagnato lo 0,17% a 27'182,45 punti, il Nasdaq lo 0,30% a 8194,47 punti e l'indice S&P500 lo 0,29% a 3009,57 punti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.