Navigation

Borsa svizzera: apre debole

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 gennaio 2020 - 09:17
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera ha aperto in flessione la prima seduta settimanale. Attorno alle 09.15 l'indice principale SMI perdeva lo 0,44% a 10'652,80 punti e quello allargato SPI lo 0,46% a 12'879,62 punti.

I mercati stanno pagando la tensione fra Stati Uniti e Iran, scaturita dalla morte in un raid americano del potente generale di Teheran Qasem Soleimani. Fra propositi di vendetta e nuove minacce del presidente Donald Trump, il crescente nervosismo inquieta gli operatori.

Pesanti anche tutte le altre principali piazze del Vecchio Continente. A Parigi il CAC 40 parte in contrazione dello 0,71% a 6001,21 punti, a Milano il Ftse Mib dello 0,55% a 23'572,77 punti, a Londra il FTSE-100 dello 0,44% a 7589,13 punti e a Francoforte il Dax dell'1,25% a 13'219,14 punti.

La borsa di Tokyo ha terminato la prima seduta dell'anno in netto ribasso, a sua volta appesantita dalle turbolenze a livello geopolitico in Medio Oriente. L'indice di riferimento Nikkei ha ceduto l'1,91% a quota 23'204,86 punti. In Cina Shanghai chiude in parità (-0,01%), mentre Shenzhen avanza dello 0,44%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.