Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha aperto in calo. Sui mercati continuano a pesare i disordini in Libia e il rincaro del petrolio, hanno osservato gli operatori, aggiungendo che inoltre negli USA le perdite si sono amplificate sul finale di seduta. In discesa anche i mercati asiatici. Verso le 09.25 il listino principale SMI segna 6620,15 punti, in flessione dello 0,04%. L'indice allargato SPI è a quota 5933,84 (-0,08%).

Ieri a Wall Street il Dow Jones ha perso l'1,44% a 12'212,79 punti e il Nasdaq ha ceduto il 2,74% a 2576,42 punti. La Borsa di Tokyo stamane ha terminato con il Nikkei in perdita dello 0,80% a 10.579,10 punti.

Avvio di seduta negativo anche per le principali piazze finanziarie europee. A Milano, il Ftse Mib è in calo dello 0,31% a 21.925 punti. A Londra l'indice FTSE 100 scende dello dello 0,29% a quota 5979,65. Alla Borsa di Francoforte il Dax segna -0,32% a 7295,12 punti e a Parigi il Cac 40 arretra dello 0,14% a 4044,53 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS