Navigation

Borsa svizzera: apre in negativo

Avvio in rosso per lo SMI. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2020 - 09:46
(Keystone-ATS)

Parte col freno a mano tirato l'ultima seduta settimanale della borsa svizzera. Alle 09.45 circa l'indice dei valori guida SMI cede lo 0,37% a 10'394,49 punti e il listino allargato SPI lo 0,30% a 12'855,19 punti.

Oltre ai timori riguardo un'accelerata dell'epidemia di coronavirus, con la situazione che resta preoccupante in molti Paesi, a inquietare gli operatori ci sono le consuete tensioni sull'asse Washington-Pechino. L'amministrazione Trump starebbe infatti pensando di vietare l'entrata negli Usa ai membri del Partito comunista cinese.

Iniziano senza una precisa direzione le altre principali piazze europee. A Milano, l'Ftse Mib perde lo 0,08% a 20'338,18 punti, a Parigi il CAC 40 lo 0,07% a 5081,37 punti, a Londra l'FTSE-100 lo 0,01% a 6251,80 punti, mentre a Francoforte il Dax guadagna lo 0,39% a 12'925,47 punti.

Sparse pure le borse asiatiche, che continuano a guardare all'emergenza Covid-19 temendo una recrudescenza dell'epidemia. Tokyo cede con il Nikkei un marginale 0,32%, Shanghai sale dello 0,13%, Shenzhen dello 0,69%.

Ieri sera ha invece terminato in rosso Wall Street. Il Dow Jones ha lasciato sul terreno lo 0,50% a 26'734,71 punti, il Nasdaq lo 0,73% a 10'473,83 punti, mentre lo S&P 500 lo 0,34% a 3215,59 punti.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.