Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura positiva per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8548,92 punti, in progressione dello 0,94% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava l'1,00% a 8708,81 punti.

Dopo il tonfo di ieri, con l'SMI che ha perso quasi il 4%, un certo recupero era atteso, sebbene rimangano negativi gli impulsi provenienti dalle altre piazze. Tokyo ha terminato in forte ribasso (-3,96% a 17'806,60 punti) e lo stesso ha fatto Wall Street (Dow Jones -3,57% a 15'871,35 punti, Nasdaq -3,82% a 4526,25 punti). Shanghai sta perdendo il 6%.

Dappertutto si teme che il rallentamento della Cina possa portare a una recessione globale. L'evoluzione in corso mette inoltre in forse i tempi di normalizzazione della politica monetaria negli Usa.

Sul fronte interno gli occhi sono puntati su Zurich (+0,46%), che ha annunciato un'offerta per l'assicuratore inglese RSA, e su Syngenta (+7,55% a circa 385 franchi) dopo le voci che danno il concorrente Monsanto intenzionato ad aumentare la sua proposta di acquisto da 449 a 470 franchi per azione.

L'avvio di seduta è stato al rialzo anche sulle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +1,74% a 9816,59 punti), Londra (Ftse 100 +1,49% a 5986,65 punti), Parigi (Cac 40 +1,70% a 4458,09 punti) e Milano (Ftse Mib +2,06% a 20'872 punti).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS