Ancora un'apertura al rialzo per la borsa svizzera, già salita ieri ai suoi massimi pluriennali: alle 09.10 l'indice SMI segnava 9360,66 punti, in progressione dello 0,34% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,32% a 9336,72 punti.

La seduta potrebbe però rivelarsi tutt'altro che tranquilla: oggi è infatti il "giorno della streghe", quando scadono numerosi derivati su indici e azioni, ciò che può provocare bruschi movimenti dei singoli titoli.

Nei primi minuti però la situazione appare ancora tranquilla, con i singoli valori in movimento solo frazionale. Fa eccezione Holcim (+1,91%), che ha annunciato un accordo con Lafarge per rivedere i termini della loro fusione.

In rialzo hanno chiuso le piazze asiatiche, Tokyo in primis (Nikkei +0,43% a 19'560,22 punti). Wall Street ha invece terminato contrastata (Dow Jones -0,65% a 17'959,03 punti, Nasdaq +0,19% a 4992,38 punti).

L'avvio di seduta è stato positivo anche per le altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,36% a 11'942,16 punti), Parigi (Cac 40 +0,14% a 5044,42 punti) e Milano (Ftse Mib +0,43% a 22'884 punti). Alle 9.10 il dato di Londra non era ancora disponibile.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.