Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in rialzo per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8690,82 punti, in progressione dello 0,81% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,71% a 8848,97 punti.

Dopo il forte arretramento di ieri era atteso un rimbalzo tecnico, che secondo gli operatori non nasconde però le incognite di fondo. Gli investitori continuano a guardare con apprensione agli sviluppi della congiuntura in Cina e alle possibili conseguenze sulla crescita globale.

Wall Street ha terminato in netta perdita (Dow Jones -2,84% a 16'058,35 punti, Nasdaq -2,94% a 4636,11 punti), mentre stagnanti sono apparse le borse asiatiche, a cominciare da Tokyo (Nikkei -0,40% a 18'095,40 punti).

Sul fronte interno le variazioni dei singoli titoli sono al momento meramente frazionali, con le uniche eccezioni dei pesi massimi Novartis (+1,20%) e Roche (+1,01%)

L'avvio di seduta è stato positivo anche sulle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,45% a 10'060,31 punti), Londra (Ftse 100 +0,36% a 6079,97 punti), Parigi (Cac 40 +0,37% a 4558,00 punti) e Milano (Ftse Mib +0,55% a 21'572 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS