Apertura negativa per la borsa svizzera: alle 09.05 l'indice dei valori guida SMI segnava 9723,56 punti, in flessione dello 0,69% rispetto a mercoledì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,82% a 12'114,18 punti.

Gli investitori tornano a guardare con inquietudine al braccio di ferro commerciale fra Stati Uniti e Cina, mentre rimane sempre in primo piano l'emergenza coronavirus. Archiviate quattro sedute consecutive in rialzo e all'indomani di una giornata festiva non pochi operatori saranno tentati di realizzare i guadagni.

L'avvio di seduta è stato con il segno meno anche sulle altre piazze europee. Nel dettaglio possono essere segnalate Francoforte (Dax -1,47% a 10'901,25 punti), Parigi (Cac 40 -1,43% a 4381,82 punti) e Milano (Ftse Mib -1,07% a 17'008 punti).

Wall Street ha terminato ieri in modo negativo (Dow Jones -0,41% a 24'474,12 punti, Nasdaq -0,98% a 9284,88 punti) e lo stesso ha fatto oggi Tokyo (Nikkei -0,80% a 20'388,16 punti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.