Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura piatta per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8333,88 punti (+0,05% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,01% a 8242,72 punti.

Dopo i guadagni di ieri, seguiti a lunga fase di calo, un certo consolidamento era atteso. Anche perché Wall Street, pur chiudendo al rialzo (Dow Jones +0,10% a 16'569,98 punti, Nasdaq +0,70% a 4401,33 punti), ha perso terreno dopo la fine delle contrattazioni sul vecchio continente, mentre Tokyo è apparsa poco dinamica (Nikkei +0,20% a 15'161,31 punti).

Dagli Usa non sono attesi oggi dati macroeconomici di rilievo. Qualche impulso potrebbe provenire dalla pubblicazione dell'indice ZEW tedesco. Sul fronte interno gli occhi sono puntati su Geberit (-0,10%), che ha informato sull'andamento nel primo semestre.

Anche sulle altre piazze europee l'avvio appare con il freno tirato. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,15% a 9166,92 punti), Parigi (Cac 40 -0,23% a 4188,05 punti), Londra (Ftse-100 -0,04% a 6630,28 punti) e Milano (Ftse Mib -0,21 a 19'420,17 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS