Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio in flessione oggi per la Borsa svizzera, con l'indice dei titoli guida SMI in arretramento dello 0,31% a 9497,19 punti. L'indice completo SPI cedeva lo 0,27% a 9639,63 punti.

Le vendite su Zurich (oltre il 3%) appesantiscono gli scambi: la società ha presentato oggi i conti del primo semestre archiviato con una diminuzione dell'utile netto del 3% su base annua a 2,06 miliardi di dollari (2,02 miliardi di franchi) e una contrazione del fatturato del 4% a 36 miliardi di dollari.

Stando agli analisti, gli operatori di Borsa sono guardinghi nell'attesa dei dati americani sui sussidi di disoccupazione e, domani, sull'occupazione (dati settimanali). Tali informazioni sono importanti per valutare le prossima mosse della Fed circa un eventuale innalzamento dei tassi.

Apertura in calo anche a Milano per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in ribasso dello 0,25% a 23.848 punti. A Parigi, il CAC40 cedeva lo 0,20% a 5186,55 punti. Il Ftse-100 alla Borsa di Londra perdeva lo 0,43% a 6723,69 punti. Il Dax di Francoforte segnava una contrazione dello 0,26% a 11605,59 punti.

La borsa di Tokyo ha terminato gli scambi a +0,24%, grazie ai solidi risultati trimestrali delle compagnie nipponiche e al calo dello yen, col dollaro vicino a quota 125. L'indice Nikkei ha guadagnato 50,38 punti e si attesta a quota 20'664,44.

Chiusura contrastata ieri per Wall Street, con il Dow Jones che è sceso dello 0,06%, a 17'540,47 punti mentre il Nasdaq è salito dello 0,67%, a 5139,94 punti.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS