Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio di seduta debole per la Borsa svizzera, con l'indice SMI dei principali titoli che dopo i primi scambi segna una flessione dello 0,11% a 8.453,67 punti, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,12% a quota 9.252,30.

Al centro dell'attenzione vi è Credit Suisse, che oggi ha annunciato i risultati del 2016, chiusisi con una perdita netta di 2,44 miliardi di franchi: sul bilancio ha pesato la multa inflitta alla banca elvetica dal Dipartimento americano della giustizia (Doj) nella vicenda dei "subprime". L'istituto, che lo scorso anno ha tagliato 7250 posti di lavoro, intende proseguire la sua cura dimagrante: quest'anno dovrebbero essere cancellati altri 5500 impieghi. In borsa il titolo reagisce bene e sale del 3,12%.

Poco mosso invece il gruppo biotecnologico Actelion, che per il 2016 ha annunciato un utile netto in crescita del 26% rispetto all'anno precedente, a 696 milioni di franchi, su un fatturato salito del 18% a 2,214 miliardi. Il titolo (-0,04%) rimane praticamente invariato.

Sul piano europeo la tendenza è al ribasso: -0,06% per Francoforte (DAX a 11.771 punti), -0,06% per Parigi (Cac 40 a 4.884 punti), -0,25% per Londra (Ftse 100 a 7.258 punti) e -0,07 per Milano (Ftse Mib a 19.044 punti).

Stamane la Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in territorio negativo, mentre si attenua l'ottimismo scaturito dal vertice del fine settimana tra il premier nipponico Shinzo Abe e il presidente Usa Donald Trump e iniziano a subentrare le prese di profitto in scia ai recenti guadagni: l'indice Nikkei ha ceduto l'1,13% a quota 19.238,98, segnando una perdita di 220 punti.

I listini americani, ieri, hanno invece segnato nuovi record: il Dow Jones è salito dello 0,70% a 20.411,78 punti, il Nasdaq è avanzato dello 0,52% a 5.763,96 punti, mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,52% a 2.328,23 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS