Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in flessione oggi per la Borsa svizzera: verso le 9:30 l'indice dei valori guida SMI perdeva lo 0,37% a 8'993,43 punti e quello allargato SPI lo 0,40% a 9'137,65 punti.

La Grecia resta il tema dominante sui mercati finanziari, dopo un nuovo fallimento dei negoziati a causa di differenze troppo grandi tra i creditori e Atene.

"Sebbene qualche progresso sia stato fatto, il negoziato non è riuscito, poiché resta una significativa distanza tra i piani delle autorità greche e le richieste di Commissione, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale", hanno spiegato dall'esecutivo Ue, sottolineando che la distanza significativa è "nell'ordine dello 0,5-1% del Pil, o l'equivalente di due miliardi di euro di misure fiscali permanenti su base annuale".

Avvio in calo anche per i principali mercati europei: a Francoforte il DAX scende dell'1,28% a 11'053,21 punti, a Milano l'indice Ftse Mib cede l'1,25% a 22'595 punti, a Parigi il Cac 40 perde l'1,15% a 4'844,95 punti e a Londra l'indice FTSE 100 è in flessione dello 0,52% a 6'749,81 punti.

La Borsa di Tokyo ha terminato a ridosso della parità, a -0,09%, grazie al lento e costante recupero dopo un pesante avvio condizionato dalla mancanza di progressi sul negoziato relativo al debito della Grecia, aumentando lo spettro di un default e di una nuova instabilità dell'Eurozona.

L'indice Nikkei, con lo yen in frazionale recupero su dollaro ed euro, cede 19,29 punti, a 20.387,79, in attesa dei board di Fed e BoJ programmati in settimana. L'incertezza greca dovrebbe pesare almeno fino alla riunione dell'Eurogruppo di giovedì.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS