Tutte le notizie in breve

Avvio in calo stamani alla Borsa svizzera: l'indice guida SMI segnava verso le 9:10 un ribasso dello 0,67% a 9'066,56 punti e quello allargato SPI scendeva dello 0,65% a 10'304,44 punti

Avvio in flessione anche per le principali borse europee. A Milano il Ftse Mib segna -0,85% a 21'597 punti, a Francoforte il Dax segna -0,7% a 12'708 punti, a Londra il Ftse 100 segna -0,43% a 7'496 punti e infine a Parigi il Cac 40 segna -0,72% a 5'367 punti.

Anche la Borsa di Tokyo ha terminato stamani gli scambi in calo. L'indice Nikkei ha ceduto lo 0,53% a quota 19.88, lasciando sul terreno 104 punti. I segnali che arrivano da Washington continuano a pesare sulla valuta statunitense: lo yen si è apprezzato di quasi l'1% negli ultimi due giorni, salendo a un livello di 112,40. Gli investitori guardano ai possibili sviluppi per l'amministrazione Usa di Donald Trump dopo lo scandalo che ha seguito il licenziamento dell'ex direttore dell'FBI James Comey.

Ieri sera Wall Street ha chiuso contrastata: il Dow Jones ha perso lo 0,02% a 20.978,21 punti, il Nasdaq è salito dello 0,33% a 6.169,87 punti mentre lo S&P 500 ha ceduto lo 0,07% a 2.400,60 punti.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve