Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in forte ribasso per la Borsa svizzera, condizionata dalla difficile situazione venutasi a creare dopo le elezioni in Italia. "Vige grande incertezza sugli ulteriori sviluppi e ciò è un veleno per i mercati", ha detto un operatore alla Reuters.

Alle 09.20 circa l'indice SMI dei titoli guida segnava 7'447,87, in calo dell'1,93%. L'indice allargato SPI era a quota 6'893,85 (-1,22%). Su Zurigo pesa anche il fatto che da oggi il titolo Novartis (-4,15%) è negoziato senza la cedola del dividendo.

La mancanza di una prospettiva in Italia penalizza anche l'euro, negoziato secondo la piattaforma online Swissquote a 1,2168 franchi.

L'esito del voto italiano ha portato le borse europee a un'apertura in forte calo. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in ribasso dell'1,57%. Successivamente il listino milanese è crollato, perdendo il 4,69%.

A Francoforte il Dax ha ceduto il 2,13% a 7'607,97 punti e a Parigi il Cac 40 è risultato in flessione del 3% a 3'609,58 punti. A Londra l'indice Ftse 100 è sceso dell'1,41% a 6'266,11 punti.

Wall Street ha terminato in forte calo con l'incertezza dell'esito del voto in Italia. Il Dow Jones ha perso l'1,55% a 13'784,17 punti, il Nasdaq l'1,44% a 3'116,25 punti.

I timori di instabilità dell'Italia hanno pesato anche sulla Borsa di Tokyo che ha chiuso con l'indice Nikkei in ribasso del 2,26%, a 11'398.81.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS