Navigation

Borsa svizzera: avvio in forte ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2011 - 09:41
(Keystone-ATS)

Apertura decisamente negativa alla Borsa svizzera, trascinata al ribasso dai dati sfavorevoli registrati negli USA e in Asia. Intanto oggi l'euro continua a indebolirsi rispetto al franco. Verso le 09.30 il listino principale SMI registra quota 5422,60, in flessione dell'1,97%. L'indice allargato SPI è a quota 4946,19 (-1,86%).

Ieri dopo la chiusura delle piazze europee Wall Street era scivolata in territorio negativo a causa delle preoccupazioni sulla congiuntura. Per oggi è atteso il dato sulla disoccupazione in agosto negli Stati Uniti. Si teme che possa essersi mantenuta al di sopra del 9%.

L'indice Dow Jones ha chiuso ieri in calo dell'1,03% a quota 11.493,57 e il Nasdaq dell'1,30% a 2546,04 punti. La Borsa di Tokyo, nel giorno del varo del governo guidato da Yoshihiko Noda, ha terminato gli scambi con il Nikkei in calo dell'1,21% a quota 8950,74.

Avvio di seduta negativo per Piazza Affari. Il Ftse Mib segna un calo dell'1,5% a 15.434 punti. La Borsa di Londra ha aperto pure in discesa. L'indice Ftse-100 perde l'1,05% a 5361,85 punti. A Francoforte l'indice Dax arretra dell'1,86% a quota 5623,7 e a Parigi il Cac 40 è in flessione dell'1,19% a 3226,94 punti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?