Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio di seduta in ribasso stamani alla Borsa svizzera, dopo la chiusura in netta flessione alla Borsa di Tokyo, che ha risentito del calo delle esportazioni per il terzo mese consecutivo e del rafforzamento dello yen. Oggi sono attesi dagli Stati Uniti vari dati economici. Poco dopo le 9:10 l'indice guida SMI scendeva dello 0,50% a 6'537,61 punti e quello allargato SPI dello 0,53% a 6'053.91 punti.

In apertura di seduta sono in calo anche le altre principali piazze europee: Piazza Affari segna dell'1,01% e la Borsa di Parigi dello 0,86%. A Londra l'indice FTSE-100 cede lo 0,65% e infine a Francoforte il Dax perde lo 0,92%.

La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi con una brusca correzione (-1,57%), scontando il rafforzamento dello yen e il debole dato preliminare sulla manifattura di settembre in Cina, attestatosi a 47,8 (47,6 di agosto). L'indice Nikkei è sceso così a quota 9.086,98 con con l' export in frenata del 5,8% e l'import del 5,4%.

Chiusura invece in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones è salito dello 0,10% a 13.578,27 punti, il Nasdaq dello 0,15% a 3.182,62 punti, mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,12% a 1.461,09 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS