Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo le prime battute al di sotto della parità, la Borsa svizzera si è portata in territorio positivo, per poi perdere di nuovo terreno. Sui mercati incidono la chiusura debole di Tokyo e l'andamento sfavorevole dei 'futures' sulle azioni americane, hanno rilevato gli operatori. Verso le 09.20 il listino principale SMI segna 6548,67 punti, in flessione dello 0,08%. L'indice allargato SPI è a quota 5883,60 (-0,01%).

Sulle contrattazioni pesa anche la nuova ondata di tensioni in Egitto dove continuano gli scontri tra i sostenitori e gli oppositori del presidente Hosni Mubarak. L'attenzione è peraltro rivolta alla conferenza stampa della Bce nel pomeriggio. "Non sono attese decisioni sui tassi, ma alcune parole del presidente Jean-Claude Trichet sull'evoluzione dell'inflazione", ha osservato un broker.

Chiusura contrastata ieri sera per Wall Street, con modifiche minime rispetto a martedì. Il Dow Jones è salito dello 0,02% a 12.041,97 punti, il Nasdaq è sceso dello 0,06% a 2749,56 punti. La Borsa di Tokyo ha terminato la seduta con l'indice Nikkei in calo dello 0,25% a 10.431,36 punti.

Avvio poco mosso a Milano. Il Ftse Mib segna -0,07% a 22.637 punti. Apertura con il segno meno anche a Londra: l'indice Ftse 100 cede lo 0,24% a 5986,57 punti. Leggero calo alla Borsa di Francoforte, con il Dax in discesa dello 0,11% a 7175,75 punti. A Parigi l'indice Cac 40 perde lo 0,25% a quota 4056,39.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS