Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio positivo per la Borsa svizzera. Alle 9:20 circa l'indice dei titoli guida SMI guadagnava lo 0,16% a 6'538,62 punti, mentre il listino globale SPI saliva dello 0,21% a 6'040,85 punti.

Il mercato elvetico cresce, ma per ora non segue l'andamento euforico delle borse asiatiche. La Borsa di Tokyo ha brindato al varo del piano anti-spread annunciato dalla Bce con l'acquisto di titoli di Stato dei Paesi di Eurolandia (Omt, Outright monetary transaction), terminando gli scambi ai massimi (+2,20%). L'indice Nikkei è salito a quota 8.821,37, in rialzo di 191,08 punti.

Anche Wall Street ha chiuso in territorio nettamente positivo. Il Dow Jones è salito dell'1,87%, a 13.290,69 punti, il Nasdaq del 2,17%, a 3.135,81 punti, e lo S&P 500 del 2,04%, a 1.432,11 punti. Oltre alle notizie provenienti dall'Europa, hanno influito i dati sulle richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti, scese la scorsa settimana di 12'000 unità a 365'000.

Bene anche gli altri mercati europei, con il Ftse Mib di Milano in ascesa dell'1,01% a 15'950 punti, il Dax di Francoforte dello 0,23% a 7'183,92 punti, il CAC 40 di Parigi dello 0,52% a 3'518,72 punti e il FTSE-100 di Londra dello 0,17% a 5'787,36 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS