Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura vicina alla linea di demarcazione per la Borsa svizzera. Alle 09.20 circa l'indice principale SMI segna 6214,88 punti, in aumento dello 0,20%. L'indice allargato SPI è a quota 5761,80 (+0,05%).

Ieri Zurigo aveva reagito al ribasso all'annuncio del taglio di un quarto di punto del tasso di riferimento della Banca centrale europea e al dato sull'andamento dei servizi negli USA, peggiore delle attese. Sul finale i listini avevano però recuperato terreno e terminato praticamente in parità.

A Wall Street il Dow Jones ha perso lo 0,36% a 12'896,7 punti, mentre il Nasdaq è rimasto invariato. Oggi i mercati sono in attesa del dato mensile sul mercato del lavoro americano.

La Borsa di Tokyo stamane ha chiuso gli scambi con il Nikkei in discesa dello 0,65% a 9020,75 punti, scontando i realizzi di guadagno, la debolezza dei listini asiatici e, soprattutto, il rafforzamento dello yen.

Avvio negativo per Piazza Affari: il primo indice Ftse Mib segna una perdita dello 0,35%. Andamento analogo a Londra, con l'indice FTSE 100 in calo dello 0,17%, a Francoforte, dove il Dax arretra dello 0,42% e a Parigi, con l'indice Cac 40 in flessione dello 0,41%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS