Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo essere partita in rialzo e aver virato in negativo la borsa svizzera tenta ora il rimbalzo: alle 15.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 9335,12 punti, in progressione dello 0,38% rispetto a ieri, il listino globale SPI guadagnava lo 0,31% a 9419,56 punti.

Il quadro non unitario offerto dai risultati trimestrali dei gruppi internazionali ha spinto gli investitori a dar prova di prudenza. Nel frattempo però c'è chi torna sul mercato, anche perché come sempre mancano alternative valide.

Sul fronte interno il listino è trainato da Roche (+2,08%), che ha pubblicato ottime cifre trimestrali. Il settore farmaceutico gode peraltro di buona salute, come testimoniato anche da Novartis (+0,60%) - che informerà domani sull'andamento degli affari - e Actelion (+0,57%).

Sono chiaramente risaliti dai minimi di giornata i valori più sensibili alla congiuntura come ABB (-0,05%), Adecco (+0,57%), Geberit (+0,55%) e Holcim (+0,33%). Nel segmento del lusso Richemont (-0,06%) si muove meglio di Swatch (-1,43%) nonostante abbia lanciato un avvertimento sugli utili: secondo gli analisti il gigante del lusso ha sì sorpreso in negativo, ma con favore è stato accolto il fatto che il calo dei risultati non ha origine nelle attività operative. Transocean (+0,37%) ha reso nota la nomina del nuovo presidente della direzione nella persona di Jeremy Thigpen.

La navigazione è di piccolo cabotaggio per i bancari UBS (-0,16%), Credit Suisse (-0,30%) e Julius Bär (-0,20%). Nelle stesse acque si muove anche Nestlé (-0,27%).

Nel mercato allargato acquisti sono segnalati su Clariant (+2,20%), una volta ancora al centro di voci su una possibile acquisizione: come potenziali interessati vengono citati Evonik, Johnson Matthey e Dow Chemical.

Sotto pressione è Temenos (-5,53%), che ha fornito informazioni sui primi tre mesi dell'anno. Lo stesso hanno fatto Phoenix Mecano (-3,11%), Panalpina (+0,29%) e Jungfraubahn (+1,62%). Implenia (-0,37%) non sta approfittando di un'importante commessa in Norvegia e dell'aumento del rating da parte di Standard & Poor's.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS