Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Brusca inversione di tendenza nel pomeriggio alla Borsa svizzera che ha chiuso le contrattazioni in lieve calo rispetto a ieri. L'indice guida SMI ha ceduto lo 0,07% a 8.304,34 punti e quello allargato SPI si è portato a 9.028,14 punti, -0,08%.

A spingere al ribasso i listini è stato in particolare il dato dell'indice Ism servizi, che misura l'andamento del comparto negli Stati Uniti. In agosto è calato a 51,4, ai minimi da febbraio 2010. Gli analisti scommettevano su quota 54,9.

È rallentata poi la crescita del Pil in Europa: dopo l'aumento di 0,5% registrato nel primo trimestre 2016, nel secondo l'incremento è stato di 0,3% nella zona euro e 0,4% nella Ue-28. In Svizzera nel secondo trimestre il Pil è salito dello 0,6%.

In luglio l'inflazione nell'area Ocse ha rallentato di 0,1 punti a +0,8%. sempre in luglio vi è stata anche una crescita inferiore al previsto per gli ordini di fabbrica in Germania: sono saliti dello 0,2% contro lo 0,5% stimato da Bloomberg.

I più penalizzati sono stati i titoli bancari con in testa Credit suisse (-2,07% a 12,79 franchi), seguito a ruota da UBS (-1,39% a 14,14 franchi) e più distaccato da Julius Baer (-1,06% a 42,13 franchi). Meglio hanno fatto gli assicurativi Swiss Re (+0,35% a 85,25 franchi) e Zurich (+0,08% a 255,80 franchi), mentre Swiss Life è scesa dello 0,72% a 247,40 franchi. Poco mossi i pesi massimi difensivi. Roche ha guadagnato lo 0,21% portandosi a 243,60 franchi Nestlé lo 0,13% a 79,20 franchi e Novartis ha ceduto lo 0,06% a 77,90 franchi.

In ordine sparso hanno chiuso i titoli più legati alla congiuntura con ABB che ha guadagnato lo 0,46% a 21,93 franchi e Adecco lo 0,09% a 57,15 franchi, mentre Geberit (-0,16% a 429,40 franchi) e LafargeHolcim (-0,76% a 52,05) hanno ceduto terreno. La giornata ha arriso ai titoli legati ai prodotti di lusso. Swatch (+1,18% a 265,30 franchi) è stata la prima della classe, seguita a ruota da Richemont (+0,93% a 59,80 franchi).

Da segnalare poi Syngenta (-0,72% a 429,60 franchi). Si allungano nuovamente i tempi della prevista acquisizione del gruppo agrochimico basilese da parte del colosso statale cinese ChemChina. Il termine di offerta pubblica d'acquisto (Opa) è stato prorogato sino all'8 novembre. Oggi anche Givaudan ha perso vigore (-0,87% a 2.051 franchi).

Sul mercato allargato il gruppo energetico bernese BKW (+0,77% a 45,75 franchi) ha realizzato nel primo semestre dell'anno un utile netto di 124 milioni di franchi, contro i 123,1 milioni registrati durante i primi sei mesi dello scorso anno. Il fatturato è salito del 7% a 1,4 miliardi di franchi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS