Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Giornata negativa per la Borsa svizzera. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 6851,73 punti (-0,32 rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,25% a 5959,48 punti.
Dopo aver in mattinata oscillato intorno alla parità il mercato nel pomeriggio ha chiaramente assunto un orientamento al ribasso. A pesare sulla piazze mondiali sono le incertezze sull'ampiezza della ripresa economica.
Negli Stati Uniti il calo delle domande settimanali di sussidio disoccupazione è risultato inferiore al previsto e il deficit commerciale di gennaio si è mostrato a sorpresa in ribasso: le importazioni americane aumentano a un ritmo meno rapido delle esportazioni, cosa che riflette potenzialmente un'attività economica più lenta, osservano gli analisti. Il clima di inquietudine è stato inoltre amplificato dall'aumento superiore alle stime dell'inflazione in Cina, cosa che accresce i timori di strette monetarie.
Su quest'ultimo fronte perlomeno in Svizzera tutto rimane però come prima: come era nelle previsioni, la Banca nazionale ha infatti lasciato invariato il suo tasso di riferimento. Ha però aumentato (all'1,5%) le sue stime di crescita dell'economia elvetica, raccomandando nel contempo prudenza sul fronte delle ipoteche.
Per quanto riguarda i singoli titoli, sotto pressione sono apparsi i bancari UBS (-0,31% a 16,07 franchi) e Julius Bär (-0,36% a 36,00 franchi), mentre in contro tendenza si è mosso Credit Suisse (+0,76% a 52,85 franchi). Tutti col segno meno hanno chiuso gli assicurativi Swiss Re (-0,60% a 50,10 franchi), Swiss Life (-0,14% a 141,30 franchi) e Zurich (-0,26% a 264,90 franchi).
In territorio negativo è scivolata nel corso della seduta anche Novartis (-0,34% a 58,30 franchi), mentre Roche (+0,06% a 178,80 franchi) è riuscita a mantenersi sopra la linea. In calo ha terminato il terzo valore difensivo di peso, Nestlé (-0,37% a 53,70 franchi). Bene per contro il segmento del lusso e degli orologi, a partire da Richement (+0,20% a 40,33 franchi) e Swatch (+0,77% a 327,50 franchi): quest'ultima società ha fatto sapere di puntare a risultato record per il 2010.
Variazioni sensibili si sono registrate nel mercato allargato: hanno oggi pubblicato dati aziendali Geberit (-3,95% a 187,10 franchi), Panalpina (+3,45% a 81,00 franchi) e Implenia (+4,50% a 27,70 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS