Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inizio di settimana negativo per la Borsa svizzera, apparsa propensa a tirare il fiato dopo i recenti rialzi. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 9430,25 punti, in flessione dello 0,44% rispetto a venerdì; il listino globale SPI ha perso 0,37% a 9459,68 punti.

La settimana scorsa il mercato elvetico ha segnato un nuovo massimo da quasi otto anni, sfiorando con un SMI a 9472 punti anche il record di tutti i tempi di 9531 punti. Per alcuni investitori la pubblicazione oggi di deludenti dati congiunturali cinesi ha quindi rappresentato un buon pretesto per realizzare almeno in parte i guadagni.

La seduta è trascorsa tranquilla, complice anche la festività zurighese del Sechseläuten e le vacanze primaverili in varie regioni del paese. Anche a livello internazionale sono mancati gli impulsi: a questo proposito l'attenzione si sta spostando sulla giornata di domani, quando cominceranno a fioccare i primi trimestrali delle banche americane. Mercoledì è poi in programma una seduta della Banca centrale europea.

Sul fronte interno sorvegliata speciale era Holcim (+0,20% a 74,95 franchi), che oggi ha tenuto la sua assemblea generale. Sono scaturite poche novità riguardo alla controversa fusione con Lafarge: gli azionisti saranno chiamati a esprimersi al riguardo solo l'8 maggio.

Sotto pressione è apparsa Julius Bär (-1,52% a 51,70 franchi): in un'intervista a un domenicale il presidente della direzione Boris Collardi ha smentito trattative di fusione in corso con Credit Suisse (-0,26% a 27,05 franchi), dopo che voci in tal senso avevano fatto salire il valore del titolo. In negativo hanno terminato anche UBS (-0,42% a 18,96 franchi), come pure - nel comparto assicurativo - Swiss Re (-0,31% a 96,35 franchi) e Zurich (-1,02% a 311,40 franchi).

Una performance migliore della media hanno mostrato i valori maggiormente sensibili ai cicli congiunturali come ABB (+0,28% a 21,14 franchi), Adecco (+0,30% a 82,60 franchi) e Geberit (+0,03% a 370,70 franchi). Nel segmento del lusso sono per contro scivolati all'indietro con il trascorrere delle ore Swatch (-0,34% a 444,20 franchi) e Richemont (-0,59% a 83,95 franchi).

Givaudan (-0,62% a 1771,00 franchi) ha subito un ulteriore calo, dopo aver presentato venerdì i dati delle vendite del primo trimestre. Marcato si è rivelato l'arretramento della sempre volatile Transocean (-2,38% a 16,01 franchi). Hanno inciso negativamente sul listino i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,46% a 75,55 franchi), Novartis (-0,79% a 100,60 franchi) e Roche (-0,14% a 277,90 franchi).

Completano lo scacchiere delle blue chip Actelion (+0,93% a 119,30 franchi), SGS (-0,37% a 1902,00 franchi), Swisscom (+0,36% a 551,50 franchi) e Syngenta (-0,58% a 344,00 franchi).

Nel mercato allargato balzo di Goldbach Media (+9,09% a 21,00 franchi) dopo l'annuncio dell'acquisto di una quota del 16,3% da parte di Veraison Capital. Burkhalter (+4,80% a 106,90 franchi) ha pubblicato i dati di bilancio 2014 sorprendendo soprattutto riguardo all'aumento del dividendo, Bossard (-0,26% a 116,70 franchi) ha informato sull'andamento degli affari nel primo trimestre 2015 e Galenica (+0,52% a 870,50 franchi) ha fatto sapere di aver prolungato il contratto con il presidente Etienne Jornod, rafforzando nel contempo il Cda.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS