Navigation

Borsa svizzera: chiude in calo (SMI -0,99%)

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2011 - 18:15
(Keystone-ATS)

Dopo una mattinata incerta, la Borsa svizzera ha optato nel pomeriggio per il segno negativo sulla spinta in particolare di alcuni pesi importanti come Novartis e UBS. I listini hanno risentito inoltre delle incertezze legate alla crisi libica e al prezzo del petrolio. L'indice guida SMI ha chiuso in calo di 0,99% a 6'446,60 punti. Quello allargato SPI ha perso lo 0,88% portandosi a 5'855,85 punti.

Oggi quasi tutti i titoli del listino principale hanno chiuso in discesa. Tra i bancari era in calo in particolare UBS (-2,53% a 17.74 franchi). In proposito gli esperti parlano di realizzi di guadagni dopo i recenti aumenti del valore del titolo. Anche CS ha ceduto (-0,84% a 40,14 franchi). Oggi si è appreso che per la prima volta un contribuente americano ha confessato di aver nascosto soldi al fisco depositandoli su un conto presso il Credit Suisse. Julius Baer ha segnato -0,65% a 41,27 franchi.

Sul listino principale ha pesato però soprattutto il calo di Novartis (-2,02 % a 50,85 franchi) che risente di una raccomandazione solo parziale da parte dell'autorità statunitense FDA per l'omologazione del medicinale per i polmoni Indacaterol.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?